Archivi della categoria: Riflessioni

Battezzati e inviati

Come goccia di acqua pulita martellante nella roccia della nostra indifferenza ancora una volta Papa Francesco tocca il nostro cuore e ci dona il giusto collirio perché impariamo a vedere il mondo con gli occhi di Dio e a prendercene cura con la stessa delicatezza e fedeltà che usa la mamma con il suo figlio appena nato. Il Papa definisce straordinario questo mese di ottobre … Continua a leggere »

condividi su

Dalla disputa al complotto

“E se uno spirito o un angelo gli avesse parlato davvero?”. At 23,9

Liberato dalle catene, Paolo è stato condotto davanti al sinedrio, il Gran Consiglio degli ebrei, ed ha preso senza timore la parola per difendersi. A viso aperto ha iniziato il suo discorso, lasciando subito intendere la benevolenza che porta in cuore. Egli si trova, per imperscrutabile permissione di Dio, a dover venire a un confronto con coloro che chiama “fratelli”; è, infatti, convinto di avere, … Continua a leggere »

condividi su

Il tempo è superiore allo spazio

Si tratta, scrive Papa Francesco, di iniziare processi più che possedere spazi e dichiara che questo criterio è molto appropriato anche per l’evangelizzazione, ricordando la parabola del grano e della zizzania (Mt 13,24-31). Non parliamo spesso di pazienza pastorale ma qui c’è qualcosa di più: non la semplice sopportazione, ma la concimazione del terreno. Sulle nostre spalle grava non la trasmissione della fede in quanto … Continua a leggere »

condividi su

Dalla stessa parte mi troverai

Un rito di passaggio: così viene spesso indicato l’esame di maturità, cioè una di quelle fasi che, secondo gli antropologi, segnano l’abbandono di uno stato di vita per entrare in un altro, celebrato con una cerimonia (l’iniziazione vera e propria) che corona il percorso di (tras)formazione. I riti servono a conferire unità di senso e di progetto alle tappe biologiche fondamentali, organizzando paure e desideri … Continua a leggere »

condividi su

Tempo di Pasqua

Tutto sembrava finito, quel venerdì sul calvario, con il suo corpo morto deposto dalla croce e tutto è ricominciato, il primo giorno della settimana, con un sepolcro vuoto. Tutto uguale e tutto diverso. Ricordo la sera dell’ultima cena quando giurai che non lo avrei mai rinnegato, ma lui mi disse “Pietro oggi stesso …”. Per me la Pasqua ha avuto inizio dal canto di un … Continua a leggere »

condividi su

Tempo di quaresima…tempo di digiuno…tempo di elemosina…tempo di preghiera…perché? O meglio come?

Il tempo della Quaresima, dei quaranta giorni che Gesù ha vissuto nel deserto dopo essere stato battezzato nel Giordano, ci chiama, qui e ora, a darne un senso, a cercare cioè di viverlo in maniera consapevole, attenta e soprattutto come dono. È un tempo intenso, che ci ricorda l’umanità piena di Gesù, che dopo aver trascorso questo tempo di prova, lo consegnò alla storia come … Continua a leggere »

condividi su

La comunità

Le festività del Natale ci hanno dato la possibilità di fermarci, di stare in famiglia, di ritrovarci assaporando il piacere dello stare insieme… di vivere le relazioni. Come i pastori ci siamo ritrovati per adorare il Salvatore, questo bimbo venuto al mondo senza tanto clamore, riscoprendo come comunità cristiana, la gioia di ritrovarci, di essere lì insieme con il nostro vissuto, la quotidianità, attorno a … Continua a leggere »

condividi su

Presenza

Se la parola chiave dell’Avvento era “Attesa”, quella del Natale è “Presenza”. La parola che ascoltiamo durante la liturgia di Natale, infatti, ci raggiunge e ci annuncia che tutte le promesse e le attese dell’avvento trovano il loro compimento: “Oggi è nato per voi un Salvatore“, “Oggi la luce risplende su di noi”, “Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato”. Dio è venuto, è … Continua a leggere »

condividi su

Vegliate, siate vigili!

Forte giunga all’orecchio di ogni cristiano questo invito: vegliate, siate vigili, non lasciatevi cogliere impreparati! Ma cosa vuol dire vegliare rimanere svegli, essere attenti, attendere? Veglia la sposa che attende lo sposo, la madre che attende il figlio lontano, la sentinella che scruta nel cuore della notte. Vegliare significa preparare una strada nel deserto, in ogni nostro deserto del cuore, là dove tutto sembra senza … Continua a leggere »

condividi su

“Siate santi, perché io, il Signore Dio vostro, sono santo” (Lv 19, 2)

Quest’anno, il giorno del 1° novembre, è stato un susseguirsi di messaggi di “Auguri!”. Variavano dal “Buon Onomastico” ad “Auguri di Santità”… con relative immagini di uomini e donne che hanno incarnato nella loro vita lo stile del Vangelo, seguendo l’esempio di Gesù e fidandosi completamente di Dio Padre. È stato bello ricevere gli “Auguri” in un giorno di Festa che non era Natale, Pasqua … Continua a leggere »

condividi su